Progettazione, sintesi e caratterizzazione di composti di coordinazione e organometallici di interesse in chimica fine
La continua domanda di materiali con caratteristiche nuove e/o più performanti, e la necessità di poter controllare la loro uniformità e riproducibilità composizionale e strutturale, mediante la messa a punto di processi di produzione eco-compatibili, richiedono sempre più un'elevata disponibilità di precursori molecolari con proprietà chimico-fisiche tali da poter essere impiegati nei processi di preparazione del materiale e che permettano di ottenere la massima compatibilità tra requisiti della reazione, proprietà chimico-fisiche e funzionalità del materiale stesso.

Approfondisci

Alcossidi di calcio per la conservazione di manufatti in pietra e legno
Nonostante il grande numero di trattamenti che sono stati utilizzati e sono ancora in uso per affrontare il problema del deterioramento di manufatti storico-artistici a base calcarea, nessuna soluzione definitiva è stata trovata finora. Nessuna tipologia di trattamento, polimeri organici o composti inorganici, ha finora dimostrato di garantire risultati soddisfacenti. Se infatti i composti organici soffrono di incompatibilità col substrato e di irreversibilità a lungo termine (a causa delle modificazione chimico fisiche a carico del polimero stesso), i secondi, benchè più compatibili, mostrano lo svantaggio della scarsa solubilità. Per superare il problema della solubilità, recentemente sono state sviluppate e testate delle micro e nano-dispersioni di calcio idrossido.

Approfondisci

Tematiche di ricerca:
  • Adesivi geopolimerici per la realizzazione di rinforzi strutturali su edifici in muratura
  • Utilizzo di FlyAsh per la riqualificazione di rifiuti industriali
  • Pannellazioni e ricoperture di dispositivi tecnologici con uso di geopolimeri
  • Utilizzo di attivatori geopolimerici come «catalizzatori» per l’ottenimento di mattoni a bassa energia
  • Materiali Geopolimerici per complementi d’arredo
  • Studio di manufatti cementizi antichi
  • I geopolimeri nel restauro di manufatti ceramici

Approfondisci

I processi avanzati di ossidazione (advanced oxidation process) sono attualmente molto studiati per applicazioni in ambito ambientale, specialmente per il trattamento della qualità di aria ed acqua. I materiali fotocatalitici permettono di catalizzare reazioni di ossidazione di una vasta gamma di potenziali inquinanti organici ed inorganici, convertendoli in acqua e diossido di carbonio o in sali inorganici inerti.

Approfondisci

L'attività di ricerca è articolata secondo tre linee complementari:

  • Sintesi e caratterizzazione di nanosistemi inorganici (film sottili, nanopolveri ...) utilizzando approcci "Chimie Douce" da fase liquida
  • Funzionalizzazione di nanostrutture con molecole e complessi metallici mediante tecniche di chemical grafting e/o embedding
  • Auto-assemblaggio ed -organizzazione di architetture metallo-supramolecolari

Approfondisci